LUCIANO MARRUCCI
Novelle, Racconti, Piccole Storie
 





Avemmaia
Preghiere per i piccirulli


Fate festa con me!


C'è posta per te!



La penna
maestra


Vanni della
Melagrana


Teatro

Nova Abbazia


La nostra
"Galleria"





LA PENNA MAESTRA

 

La cosa più veloce.

Un giorno un sovrano bandì un concorso per stabilire quale fosse la cosa più veloce nel trasmettere un'immagine o un messaggio.
Si presentò uno scienziato che disse: - Nell'era digitale e nell'epoca dei microchip mi domandi quale sia la cosa più veloce nel trasmettere qualcosa? Io ti rispondo con sicurezza: è il computer dove un messaggio viaggia con velocità elettronica. Nell'assemblea dei presenti si fece sentire un mormorio di approvazione
Dopo di lui seguì uno studioso che disse: C'è una cosa che è ancora più veloce del computer nell'inviare un'immagine od un messaggio. Questa cosa è la più semplice, la più antica e, tuttavia, è una cosa impiegata anche nelle ultime guerre: è lo specchio capace di rimandare un segnale alla velocità della luce. Uscì dall'assemblea un plauso di consenso.
Si fece avanti infine un monaco che parlò in questo modo: Per quanto non possa mostrartela, io conosco una cosa che è ancora più veloce dello specchio nel mandare un messaggio: è la preghiera. Essa raggiunge subito il suo termine in quanto nello stesso istante in cui è pronunciata è accolta da chi la deve ricevere; dunque essa è più veloce della stessa luce perché arriva in tempo reale. Nel consesso degli astanti si fece un grande silenzio; infatti ciò che genera lo stupore è il silenzio e non il clamore.

L.M.