LUCIANO MARRUCCI
Novelle, Racconti, Piccole Storie
 





Avemmaia
Preghiere per i piccirulli


Fate festa con me!


C'è posta per te!



La penna
maestra


Vanni della
Melagrana


Teatro

Nova Abbazia


La nostra
"Galleria"





Storielle minime
con illustrazioni di Sauro Mori


Il manico

In una bella giornata d’ottobre una vecchia signora portava per la campagna il suo canino, un coso tutto nero e peloso.
Ad un certo punto gli leva il guinzaglio e gli dà l’ando, Il canino, tutto ingazzurrito, va di volata nell’aia dove un contadino sta a pulire il granturco e fa per addentarlo alla caviglia. Il contadino, che fa? Piglia il forcone e lo infila.
Per via di questo barboncino che per la signora era l’unica, o quasi l’unica, ragione della sua vita il contadino dovette andare al processo.
Siccome lui continuava a ripetere che il cane 1’aveva ammazzato per difendersi, il giudice gli disse: «Poteva almeno usare il forcone dalla parte del manico!»
«L’avrei fatto» rispose il contadino «se il cane mi fosse venuto contro dalla parte della coda!»

L.M.